Il programma della quarta edizione di CinemAdHoc

In un periodo storico in cui il Cinema del Reale continua ad ottenere importanti riconoscimenti nei grandi festival e successi di pubblico nelle sale, CINEMADHOC, rassegna a cura di Quelli della Compagnia in collaborazione con Firenze al Cinema, porta nel circuito delle sale fiorentine uno spaccato variegato del genere, con film provenienti dai maggiori festival internazionali, presentati in sala dai suoi protagonisti.

Scarica il programma .pdf

 

 

 

programma_cinemadhoc2016

PROGRAMMA

CINEMA PORTICO – mercoledì 2 marzo ore 20.30
in collaborazione con ASAT

HUMAN di Yann Arthus Bertrand (Francia 2015 – 191′)
Alla presenza del regista Yann Arthus Bertrand
Un ragazzo afro-americano che ha scoperto che vuol dire l’amore solo quando è finito in prigione, a vita; una donna ebrea che è stata salvata, e poi cresciuta, dalla famiglia di un soldato tedesco durante la Shoah; una donna mussulmana sopravvissuta, per forza divina forse, alle coltellate di suo marito; un padre palestinese che ha visto la figlia sparata da un soldato israeliano; un papà israeliano che ha perso la figlia in un attacco suicida perpetrato da un palestinese; un soldato americano che ha scoperto di trovare uno strano gusto nell’uccidere il “nemico”. Sono tutte facce viste nel film Human, che ci fanno osservare la verità di questa nostra razza, così strana a volte, così sorprendente in altre, ma sempre, sempre umana.

 

____________________
CINEMA FULGOR – mercoledì 9 marzo ore 20.30
THE NIGHTMARE
di Rodney Ascher (Usa 2015 – 91′)
The Nightmare è un documentario horror diretto da Rodney Ascher, regista di Room 237, film che analizzava in maniera approfondita i significati nascosti in Shining di Stanley Kubrick. Il regista esplora la mente delle persone che hanno avuto esperienze di paralisi notturna, attraverso le ricostruzioni contorte e terrificanti dei loro incubi peggiori. Questa volta ciò che ci terrorizza, in un documentario che propone l’horror in un modo totalmente nuovo per il mondo del cinema, sono i nostri sogni più spaventosi.

 

____________________
CINEMA GROTTA – martedì 15 marzo ore 21.00

DAL RITORNO di Giovanni Cioni ( Italia, Francia, Belgio 2015 – 92′)
Alla presenza del regista e della famiglia del protagonistaUna discesa negli abissi dell’Olocausto da parte del documentarista Giovanni Cioni, che si avvale delle memorie e dei racconti di Silvano Lippi, ex sergente sopravvissuto a Mauthausen che prima del 2000 non aveva mai avuto il coraggio di esporre pubblicamente il suo luttuoso passato.


____________________
CINEMA PRINCIPE – mercoledì 30 marzo ore 20.30
RAPIDO 904
di Martino Lombezzi (Italia 2015 – 53′)
Alla presenza del regista, di Andrea Bigalli (Libera Firenze), della Dott.sa Angela Pietroiust (Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Firenze) e dell’Avv.Danilo Ammanato (Associazione Familiari delle Vittime della strage sul treno Rapido 904).
Il film va alla ricerca delle tracce che l’attentato del 23 dicembre 1984 al treno Napoli-Milano ha lasciato nei corpi e nella memoria dei sopravvissuti: alcuni di loro, dopo trent’anni di silenzio, parlano oggi per la prima volta.
Le memorie personali, che danno corpo al film, s’intrecciano alla cronaca del processo di Firenze a Totò Riina, accusato di essere il mandante della strage.

 

____________________
CINEMA STENSEN – giovedì 21 aprile ore 21.00

CHUCK NORRIS VS COMMUNISM di Ilinca Calugareanu (GB 2015 – 78′)
Negli anni Ottanta, sotto il regime di Nicolae Ceausescu, i romeni soffrivano di scarso accesso alle merci straniere nonché di un blackout di informazioni, dal momento che i burocrati comunisti dovevano garantire la purezza ideologica. Tuttavia, grazie al contrabbando di VHS doppiate, la gente è riuscita ad avere un assaggio del mondo occidentale e degli eroi del cinema come Jean -Claude Van Damme, Sylvester Stallone e Chuck Norris.


____________________
CINEMA ADRIANO – mercoledì 4 maggio ore 20.30
DIETRO GLI OCCHIALI BIANCHI
di Valerio Ruiz (Italia 2015 – 112′)
Alla presenza del regista
Dietro gli occhiali bianchi è il racconto di un viaggio nella vita e nella carriera di Lina Wertmüller, prima donna al mondo nella storia del cinema ad aver ricevuto la nomination al premio Oscar come miglior regista, con il suo capolavoro Pasqualino Settebellezze (1975). Dalle immagini inedite girate a Cinecittà quando la regista era assistente di Federico Fellini in 8 e 1/2 (1963), il documentario ripercorre i luoghi dei suoi film più famosi, per scoprire l’universo artistico e umano di una donna che, sempre fedele alla sua vena ironica e grottesca, ha lasciato il segno in ogni ramo dello spettacolo in cui ha lavorato: cinema, teatro, televisione, musica. Ad accompagnare il viaggio, numerose interviste esclusive agli artisti testimoni di una carriera intensa, in continua evoluzione: tra questi, Giancarlo Giannini, Marina Cicogna, Sophia Loren, Raffaele La Capria, e molti talenti stranieri come Martin Scorsese, Harvey Keitel e il critico cinematografico John Simon. Il film contiene una lunga serie di inediti, tra video, immagini e canzoni scritte dalla stessa Wertmüller.


____________________

ANNULLATA!
SPAZIO ALFIERI – dal 5 maggio in programmazione
MR.GAGA
di Tomer Heymann (Israele, Svezia, Germania, Paesi Bassi 2015 – 100′)
Attraverso immagini di repertorio, estratti mozzafiato sul palco e momenti inediti con i suoi danzatori durante le prove, il film, vivace, penetrante e contagioso, conduce il pubblico nel mondo dell’artista israeliano: Ohad Naharin figura di grande integrità, animata da una visione unica e straordinaria.


____________________
SPAZIO ALFIERI – venerdì 6 maggio, ore 21.15
CALMA E GESSO – IN VIAGGIO CON MARIO DONDERO di Marco Cruciani (Italia 2015- 120′)
Alla presenza del regista
“Calma e gesso in viaggio con Mario Dondero”, ricostruisce l’avventurosa storia di Mario Dondero, fotografo e narratore instancabile delle realtà di ogni dove e pietra miliare del fotogiornalismo internazionale. Attraverso i racconti e l’opera del reporter, percorreremo un insolito viaggio sia nelle vicende sociali, politiche, culturali e artistiche del secondo ‘900 e di questo inizio millennio, sia nelle esperienze personali, nel percorso di formazione, nelle tecniche, nei valori, nelle paure, nelle scoperte, nella memoria e nelle traiettorie future di un grande fotoreporter e della sua arte.